Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl - Quotidiano del Fisco 04/12/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

 

Nelle scorse settimane è stata pubblicata in anteprima, sul sito Xbrl Italia, la tassonomia principi contabili italiani versione Pci_2018-11-04, che dal prossimo anno sostituirà la versione Pci_2017-07-06 attualmente vigente. La stessa tassonomia è stata contestualmente inviata all’Agid, per la pubblicazione sul sito ufficiale agid.gov.it, per l’avvio dell’iter di pubblicazione formale in «Gazzetta Ufficiale», in base al Dpcm 10 dicembre 2008 n. 304.

 

In attesa dell’ufficializzazione, l’associazione Xbrl Italia ha altresì evidenziato sul proprio sito istituzionale xbrl.org/it, che dovranno essere conformi alla nuova tassonomia Pci_2018-11-04 tutti i bilanci relativi agli esercizi chiusi a partire dal 31 dicembre 2018.
Rispetto alle pubblicazioni delle precedenti tassonomie, non è stato fatto alcun accenno - come sarebbe auspicabile anche in questa occasione - al termine del deposito nel registro delle imprese, che è d’uso fissare a partire dal 1° di marzo per evitare che l’utilizzo della nuova tassonomia possa riguardare il deposito dei consorzi, che hanno come scadenza due mesi dalla chiusura esercizio (quindi il 28 febbraio).

Si ricorda che anche la nuova tassonomia Pci_2018-11-04 è dedicata alla codifica dei bilanci d’esercizio e consolidati redatti, rispettivamente, secondo gli articolo 2423 e successivi del Codice civile e secondo le disposizioni del Dlgs 127 del 9 aprile 1991.

Di conseguenza il nuovo schema Xbrl non si applica ai soggetti che redigono i propri conti annuali e consolidati secondo i principi contabili internazionali Ias/Ifrs, per i quali è allo studio una specifica versione di tassonomia (per approfondimenti è possibile consultare questo articolo ).

Le novità della nuova tassonomia
La tassonomia Pci_2018-11-04 differisce dalla precedente versione Pci_2017-07-06 esclusivamente con riferimento:
•ai prospetti della nota integrativa, sia in forma ordinaria che abbreviata;
•alla sezione “Bilancio micro, altre informazioni” della forma prevista dall’articolo 2435-ter del codice civile.

Nessuna modifica è stata apportata - invece - agli schemi quantitativi del bilancio d’esercizio e di quello consolidato.

Per quanto riguarda il bilancio consolidato, esclusa anche quest’anno dalla tassonomia Xbrl - come già lo scorso anno - la nota integrativa.

Di seguito una sintesi delle novità - suddivise per bilancio ordinario, abbreviato e microimprese - tratta dal documento ufficiale (clicca qui per consultarlo ) redatto dall’associazione associazione Xbrl Italia, che dettaglia le modifiche introdotte nella nuova tassonomia novità Pci_2018-11-04.

Nota integrativa del bilancio d’esercizio ordinario
1) La sezione “Nota integrativa, parte iniziale”, è stata alleggerita e strutturata con una serie nuovi di campi testuali intestati, atti a favorire una migliore leggibilità e identificabilità di alcuni parti, che contengono:
•l’indicazione dei principi di redazione (“Principi di redazione”);
•la disclosure richiesta in caso di deroghe eccezionali (“Casi eccezionali ex articolo 2423, quinto comma, del Codice civile”);
•l’informativa richiesta dall’Oic 29 in caso di cambiamento dei principi contabili (“Cambiamenti di principi contabili”) e di correzione di errori rilevanti (“Correzione di errori rilevanti”);
•l’informativa in merito alle problematiche di comparabilità e adattamento rispetto alle voci dell’esercizio precedente (“Problematiche di comparabilità e di adattamento”);
•l’illustrazione dei criteri di valutazione applicati (“Criteri di valutazione applicati”);
•l’esposizione tramite un campo residuale per le altre informazioni di carattere generale richieste dalla legge o dai principi contabili (“Altre informazioni”).

2) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, il campo testuale di commento è stato trasformato in una sottosezione dedicata alle cooperative, denominata “Informazioni relative alle cooperative”.
Sono stati quindi esplicitati due campi testuali relativi alla disclosure, richiesta dagli articoli 2513 (“Informazioni ex articolo 2513 del Codice civile”) e 2545-sexies (“Informazioni ex articolo 2545-sexies del Codice civile”) del Codice civile.

3) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, il campo testuale di commento dedicato alle informazioni di legge sulle startup e Pmi innovative, è stato ridenominato in “Informazioni relative a startup, anche a vocazione sociale, e Pmi innovative”, per chiarire che vi si comprendono anche le startup a vocazione sociale.

4) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, è stato introdotto il campo testuale denominato “Informazioni ex articolo 1, comma 125, della legge 4 agosto 2017 n. 124”, dedicato all’informativa di cui all’articolo 1, comma 125, della legge 4 agosto 2017.

Nota integrativa del bilancio d’esercizio abbreviato
5) Nella sezione “Nota integrativa, parte iniziale”, sono state introdotte le medesime modifiche di cui al punto 1) del bilancio d’esercizio ordinario.

6) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, sono state introdotte le modifiche di cui al punto 2) del bilancio d’esercizio ordinario, con l’ulteriore aggiunta di due campi testuali specifici della forma abbreviata, relativi alla disclosure richiesta dagli articoli 2528 (“Informazioni ex articolo 2528 del Codice civile”) e 2545 (“Informazioni ex articolo 2545 del Codice civile”) del Codice civile, da compilare laddove venga omessa la relazione sulla gestione.

7) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, sono state introdotte le medesime modifiche di cui al punto 3) del Bilancio d’esercizio ordinario.

8) Nella sezione “Nota integrativa, altre informazioni”, è stato introdotto il campo testuale di cui al punto 4) del Bilancio d’esercizio ordinario.

Bilancio delle micro-imprese
9) È stata corretta un’incoerenza ortografica nell’intestazione della sezione dedicata alle altre informazioni, ora denominata “Bilancio micro, altre informazioni”.

10) Nella sezione “Bilancio micro, altre informazioni” sono state introdotte le modifiche di cui al punto 6) del Bilancio d’esercizio abbreviato.

11) Nella sezione “Bilancio micro, altre informazioni” sono state introdotte le modifiche di cui al punto 7) del Bilancio d’esercizio abbreviato.

12) Nella sezione “Bilancio micro, altre informazioni”, è stato introdotto, il campo testuale di cui al punto 8) del Bilancio d’esercizio abbreviato.

Considerazioni
Il requisito dell’elaborabilità dei dati della nota integrativa comporta sempre - per gli estensori della tassonomia Xbrl - notevoli difficoltà di gestione dei dati in forma tabellare.
Le tabelle devono infatti essere costruite attraverso un’attenta analisi delle disposizioni civilistiche, e possono in qualsiasi momento manifestarsi dei casi in cui il loro contenuto non è sufficiente a esaurire l’obbligo informativo.
Nei casi meno rilevanti, in cui vi sia solo la necessità di un maggior dettaglio, il redattore del bilancio può utilizzare i campi testuali per integrare la tabella standard.
Qualora invece la tabella prevista dalla tassonomia fosse davvero insufficiente o inutilizzabile, il redattore può evitare la sua compilazione inserendo una propria tabella nel campo testuale attraverso codice xHtml, che permette di includere tabelle in formato libero. Chiaramente tale attività può essere effettuata solo utilizzando quei software gestionali che prevedono specificamente tale possibilità.
L’adeguamento di quest’anno - fortunatamente - comporta modifiche tutto sommato di lieve entità, che saranno realizzate dalle software house in tempo utile per la redazione e per la presentazione dei prossimi bilanci.

Il contributo di AssoSoftware
Ricordiamo che Xbrl Italia, fondata nel 2006 su iniziativa dei Soci Fondatori, è riconosciuta in modo ufficiale dal consorzio Xbrl International che cura lo sviluppo e diffusione di Xbrl a livello europeo e mondiale, e conta nella sua compagine sociale anche alcuni soci ordinari, ossia soggetti prevalentemente utilizzatori dello standard Xbrl che svolgono attività direttamente riconducibili agli obiettivi dell’associazione.
AssoSoftware si è fatta promotrice - sin dagli inizi - dell’apertura di importanti tavoli di confronto con Xbrl Italia e con tutte le parti interessate, cui hanno aderito i principali Enti interessati, in particolare il dipartimento del tesoro del Mef, l’Oic, Infocamere, Assirevi, Rete imprese Italia, che - insieme ai componenti del comitato tecnico AssoSoftware - si sono negli anni occupati di analizzare le novità della normativa e di individuarne i principali impatti sui software. Da quest’anno AssoSoftware è socio ordinario di Xbrl Italia.

 

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware