12 aprile 2024 - News da Confindustria

Rapporto di previsione Centro Studi Confindustria 17 aprile 2024 | Tassi, PNRR, superbonus, energia: che succederà alla crescita italiana?

Inoltriamo l’invito alla presentazione del Rapporto di previsione del Centro Studi Confindustria “Tassi, PNRR, superbonus, energia: che succederà alla crescita italiana?”, che si terrà mercoledì 17 aprile alle ore 10.30, sia in presenza in Confindustria, Viale dell’Astronomia 30, sia in diretta streaming su www.confindustria.it.

Per seguire l’evento è necessario iscriversi cliccando direttamente qui.

Presenta il Rapporto il Direttore del Centro Studi Confindustria Alessandro Fontana.

Ne discutono Massimo Bordignon (Professore Ordinario Università Cattolica del Sacro Cuore), Lilia Cavallari (Presidente Ufficio Parlamentare di Bilancio) e Sergio Nicoletti Altimari (Capo Dipartimento Economia e Statistica Banca d’Italia).

Conclude il Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi.

Modera Federico Fubini (Giornalista Corriere della Sera)


12 aprile 2024 - Attività parlamentare

CAMERA DEI DEPUTATI
DL PNRR

La Commissione Bilancio ha concluso la votazione degli emendamenti presentati al cd. decreto PNRR (AC 1752). E’ stato così conferito mandato ai relatori del provvedimento Paolo Trancassini (FdI), Roberto Pella (FI) e Nicola Ottaviani (Lega) a riferire in Aula.

DDL Cybersicurezza
In allegato bozza degli emendamenti presentati al cd. DDL Cybersicurezza (AC 1717).


G7 Trasporti, AssoSoftware: interoperabilità chiave per la mobilità del futuro - 12 aprile 2024

Milano, 12 aprile 2024 – “Il G7 Trasporti rappresenta una grande opportunità per un confronto su come le tecnologie digitali possono mitigare gli effetti del settore della mobilità a livello globale. Tuttavia, per far sì che la trasformazione digitale impatti sul mondo della mobilità, portando anche ad una migliore sostenibilità del settore, è fondamentale che tutte le soluzioni digitali realizzate siano interoperabili con i software gestionali che le fanno funzionare” ha dichiarato il Presidente di AssoSoftware, Pierfrancesco Angeleri, in occasione del G7 dedicato ai trasporti e presieduto dal Ministro Matteo Salvini. “Per esempio, nelle scorse settimane il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha lanciato in via sperimentale il nuovo registro telematico dei veicoli fuori uso. Il registro prevede delle nuove procedure online per la gestione dei veicoli e per il rilascio del certificato di rottamazione digitale che diventeranno obbligatorie dal 6 giugno” ha spiegato il Presidente dell’Associazione di Confindustria che raggruppa i produttori italiani di software. “Tuttavia, al momento, queste procedure non risultano completamente interoperabili e richiedono attività manuali da parte delle imprese. Per questo motivo, come AssoSoftware, ribadiamo la nostra piena collaborazione al Ministero, nella consapevolezza che solo garantendo la piena interoperabilità con i software gestionali sarà possibile utilizzare in modo sicuro ed efficiente il nuovo registro telematico, evitando inutili duplicazioni e lungaggini burocratiche”.


AssoSoftwareDayPress del 12/04/2024

E’ disponibile l’edizione odierna di AssoSoftwareDayPress, la rassegna stampa quotidiana riservata ai soci.

Per consultarla scegli tra le seguenti opzioni:


Formato sfogliabile

Formato PDF

Formato mobile


Buona lettura.

 

Gli Uffici di Segreteria

Vi ricordiamo che il servizio è esclusivamente riservato agli associati e che, in base all’accordo con il fornitore, non può essere distribuito a terze parti né in toto né in parte. L’inosservanza di tale disposizione può comportare la sospensione del servizio e le sanzioni previste dalla normativa a tutela del copyright degli editori.

 

© Riproduzione riservata


11 aprile 2024 – Attività parlamentare

GOVERNO
Consiglio dei ministri 
La prossima riunione del Consiglio dei ministri si terrà lunedì 15 aprile alle 18.

SENATO
Dispositivi elettronici: approvazione in Aula
E’ stato approvato, con 89 voti favorevoli, 18 contrari e 34 astenuti, il disegno di legge recante Modifiche al codice di procedura penale in materia di sequestro di dispositivi, sistemi informatici o telematici o memorie digitali (AS 806).

Il disegno di legge si compone di 4 articoli:

  • l’articolo 1 introduce nel codice di procedura penale il nuovo articolo 254-ter che reca una specifica disciplina per il sequestro di dispositivi e sistemi informatici o telematici;

  • l’articolo 2 reca una serie di modifiche al codice di procedura penale;

  • l’articolo 3 introduce delle norme di attuazione, di coordinamento del codice di procedura penale;

  • l’articolo 4 reca, infine, una disposizione transitoria.


CAMERA DEI DEPUTATI
Emendamento governativo telefonate: Disposizioni in materia di sicurezza pubblica

In allegato l’emendamento del Governo presentato al disegno di legge recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, di tutela del personale di servizio, nonché di vittime dell’usura e di ordinamento penitenziario (AC 1660).

L’attività di corrispondenza telefonica costituisce elemento significativo del trattamento penitenziario e trova fondamento nel diritto del soggetto recluso alla vita familiare e al mantenimento di relazioni con i più stretti congiunti, riconosciuto dagli articoli 15 e 18, comma 3, della legge 26 luglio 1975, n. 354.

La durata e le modalità della corrispondenza telefonica è attualmente stabilita dal regolamento di esecuzione dell’ordinamento penitenziario (d.P.R. 30 giugno 2000, n. 230) che prevede all’articolo 39 una telefonata con i congiunti o conviventi, ovvero, qualora ricorrano ragionevoli e verificati motivi, con persone diverse, una volta alla settimana per la durata di dieci minuti.

La disposizione in esame autorizza il Governo ad apportare modifiche al regolamento di cui al d.P.R. n. 230 del 200 anche in materia di colloqui telefonici, dei soggetti sottoposti al trattamento penitenziario, sulla base del criterio indicato alla lettera f-bis), che prevede di incrementare, con il fine di garantire la prosecuzione dei rapporti familiari, il numero dei colloqui telefonici settimanali e mensili di cui all’art. 39 del regolamento di esecuzione dell’ordinamento penitenziario, equiparando la relativa disciplina a quella dettata dall’art. 37 del regolamento e pertanto inserendo alla lettera a) dell’articolo 61 anche il riferimento all’articolo 39.

Fondo Nuove Competenze: risposte del Ministro Ciriani
Il Ministro per il Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, ha risposto all’interrogazione n. 3-01133, a prima firma Lupi (NM), indirizzata al ministro del lavoro e delle politiche sociali, per sapere – in merito al Fondo Nuove Competenze – quali iniziative intenda assumere al fine di assicurare la comunicazione dell’esito di tutte le candidature della seconda edizione del Fondo nuove competenze e una repentina apertura della terza edizione del fondo citato.

Il Ministro ha dichiarato che:

  • Per quanto concerne l’attivazione della terza edizione del Fondo nuove competenze, questo Governo ha investito molto nella formazione dei lavoratori e continuerà a farlo.

  • Ciò posto, considerata l’importanza di offrire ai lavoratori le opportunità di acquisire nuove e maggiori competenze, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali intende attivare tempestivamente un tavolo di governance con le parti datoriali e sindacali, al fine di valutare gli esiti degli interventi precedenti. Il tavolo di confronto appare necessario anche in relazione alle procedure previste dal Programma nazionale Giovani, donne e lavoro, propedeutico all’emanazione del bando relativo all’avvio della terza edizione del Fondo nuove competenze.

  • Vi è la volontà del Ministero del Lavoro a realizzare la nuova edizione

Il Ministro per il Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, ha risposto all’interrogazione  n. 3-01134, a prima firma Nisini (Lega), indirizzata al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, per sapere – in merito al Fondo Nuove Competenze – se il Ministro interrogato possa ad oggi fornire indicazioni certe in merito all’emanazione del bando relativo alla terza edizione del Fondo nuove competenze.

Il Ministro ha dichiarato che vi è l’impegno del Ministero del Lavoro ad avviare, nel più breve tempo possibile, i passaggi necessari per rendere operativa la terza edizione del Fondo nuove competenze. A tale scopo, segnalo nuovamente che è già in programma l’attivazione di un tavolo di governance con le parti datoriali e sindacali, al fine di valutare gli esiti degli interventi precedenti, con particolare riferimento alla finalità del Fondo, ossia, come ricordato, l’incremento delle competenze dei lavoratori per fare fronte alle necessità delle imprese e alle esigenze dettate dalla transizione al digitale ed ecologica.

Sistema sanzionatorio tributario: approvazione parere in Commissione Giustizia e Finanze
E’ stato approvato il parere, con osservazioni, allo Schema di decreto legislativo in materia di revisione del sistema sanzionatorio tributario (Atto n. 144).  Qui il testo del parere.

DL PNRR: esame in Commissione Bilancio
E’ proseguito l’esame del disegno di legge recante Ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, cd. Decreto PNRR (AC 1752).

Intelligenza Artificiale e Cultura: proroga indagine in Commissione Cultura
Il Presidente Onorevole Mollicone (FdI) ha comunicato la proroga dei termini relativi all’Indagine conoscitiva sull’impatto della digitalizzazione e dell’innovazione tecnologica sui settori di competenza della VII Commissione. In particolare, è stata approvata la proroga del termine per la conclusione dell’indagine conoscitiva al 31 luglio 2024.


AssoSoftwareDayPress dell'11/04/2024

E’ disponibile l’edizione odierna di AssoSoftwareDayPress, la rassegna stampa quotidiana riservata ai soci.

Per consultarla scegli tra le seguenti opzioni:


Formato sfogliabile

Formato PDF

Formato mobile


Buona lettura.

 

Gli Uffici di Segreteria

Vi ricordiamo che il servizio è esclusivamente riservato agli associati e che, in base all’accordo con il fornitore, non può essere distribuito a terze parti né in toto né in parte. L’inosservanza di tale disposizione può comportare la sospensione del servizio e le sanzioni previste dalla normativa a tutela del copyright degli editori.

 

© Riproduzione riservata


10 aprile 2024 – Attività parlamentare

GOVERNO
Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 76
Si è svolto ieri il Consiglio dei ministri n. 76. Nel corso della riunione sono stati approvati i seguenti provvedimenti:
– Documento di Economia e Finanze 2024. Il DEF non riporta il profilo programmatico, ma quello tendenziale:

2024 Pil 1 – Deficit 4,3 – Debito 137,8
2025 Pil 1,2 – Deficit 3,7 – Debito 138,9
2026 Pil 1,1 – Deficit 3 – Debito 139,8
2027 Pil 0,9 – Deficit 2,2 – Debito 139,6

Nel dettaglio, a completamento della manovra di bilancio 2025-2027 il Governo conferma quali collegati alla Legge di Bilancio i disegni di legge già indicati nel precedente Documento programmatico e indica, altresì, quale disegno di legge collegato alla manovra di finanza pubblica per il 2025″ il “disegno di legge recante norme di principio in materia di Intelligenza artificiale”.

– Decreto legislativo recante Disposizioni per la razionalizzazione dell’imposta di registro, dell’imposta sulle successioni e donazioni, dell’imposta di bollo e degli altri tributi indiretti diversi dall’IVA. Tra le misure approvate vi sono anche le modifiche al testo unico dell’imposta di registro. Si interviene per implementare le procedure di gestione telematica degli adempimenti.

– Elezioni europee e amministrative. Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giorgia Meloni, ha individuato nelle giornate di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024 le date per lo svolgimento delle elezioni dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia. Il Governo proporrà pertanto tale data al Presidente della Repubblica, che indirà con proprio decreto i comizi elettorali.

Inoltre, il Ministro dell’interno Matteo Piantedosi ha svolto una informativa sull’assegnazione del numero dei seggi alle circoscrizioni per le stesse elezioni e sulla data delle elezioni amministrative.

I 76 seggi italiani saranno così suddivisi tra le cinque circoscrizioni elettorali, sulla base del censimento riportato nel d.P.R. 20 gennaio 2023, recante il dato della popolazione al 31 dicembre 2021:

20 seggi alla circoscrizione I (Nord-Ovest);
15 seggi alla circoscrizione II (Nord-Est);
15 seggi alla circoscrizione III (Italia centrale);
18 seggi alla circoscrizione IV (Italia meridionale);
8 seggi alla circoscrizione V (Italia insulare).

Qui il Comunicato stampa.

Governo: Urso, legge concorrenza in Cdm nelle prossime settimane
Secondo quanto dichiarato dal Ministro per le imprese e il made in Italy, la legge annuale sulla concorrenza arriverà nelle prossime settimane in Consiglio dei Ministri.

SENATO
DDL educazione civica digitale: presentazione in Aula
E’ stato assegnato alla Commissione Cultura il ddl recante Modifiche alla legge 20 agosto 2019, n. 92, e al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, in materia di insegnamento scolastico dell’educazione civica digitale (AS 1039).

CAMERA DEI DEPUTATI
Fondo Nuove Competenze: interrogazioni in Aula

E’ stata presentata l’interrogazione n. 3-01133, a prima firma Lupi (NM), indirizzata al ministro del lavoro e delle politiche sociali, per sapere – in merito al Fondo Nuove Competenze – quali iniziative intenda assumere al fine di assicurare la comunicazione dell’esito di tutte le candidature della seconda edizione del Fondo nuove competenze e una repentina apertura della terza edizione del fondo citato.
E’ stata presentata l’interrogazione n. 3-01134, a prima firma Nisini (Lega), indirizzata al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, per sapere – in merito al Fondo Nuove Competenze – se il Ministro interrogato possa ad oggi fornire indicazioni certe in merito all’emanazione del bando relativo alla terza edizione del Fondo nuove competenze.

DDL Cybersicurezza: esame in Commissione Affari Costituzionali e Giustizia
E’ proseguito l’esame del disegno di legge recante Disposizioni in materia di rafforzamento della cybersicurezza nazionale e di reati informatici (AC 1717), di:

Nel corso della discussione, l’On. Pastorella (AZ) ha dichiarato che, pur ritenendo corretto che il focus del disegno di legge sia sulle pubbliche amministrazioni, e che con esso il Governo anticipi quella che sarà la prossima attuazione della Direttiva NIS 2, deve esserci una critica rispetto all’assenza dal provvedimento dei contenuti di cui all’articolo 21 della Direttiva, attinenti alla resilienza, alla prevenzione e all’organizzazione.

Inoltre, si dichiara contraria alla soppressione dell’articolo 7 del disegno di legge, ritenendo corretto che l’ACN si occupi di intelligenza artificiale in una logica di contrasto degli attacchi informatici, ma auspica una migliore formulazione della disposizione che escluda il riferimento agli aspetti etici. In merito, fa presente che un recente lancio di agenzia annuncia che nella bozza di disegno di legge sull’intelligenza artificiale sarebbero attribuiti compiti tanto all’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) quanto all’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN): ritiene tale scelta inopportuna perché ACN è un’agenzia di recente creazione, che ancora deve trovare un proprio assetto, e soprattutto non ha le competenze per gestire il fenomeno dell’intelligenza artificiale nel suo complesso. Ritiene poi illiberale il contenuto dell’articolo 9, nella parte in cui impedisce al personale dell’Agenzia di trovare un diverso impiego prima che sia trascorso un determinato periodo di tempo e giudica la misura un ostacolo allo sviluppo del mercato della cybersicurezza.

Sistema sanzionatorio tributario: esame in Commissione Giustizia e Finanze§
E’ proseguito l’esame dello Schema di decreto legislativo in materia di revisione del sistema sanzionatorio tributario (Atto n. 144).
Il Presidente Osnato (FdI) ricorda che il termine per l’espressione del parere da parte delle Commissioni scadrà il 14 aprile 2024.

DL PNRR: esame in Commissione Bilancio
E’ proseguito l’esame del disegno di legge recante Ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, cd. Decreto PNRR (AC 1752).
In allegato gli emendamenti dei relatori e del Governo.
In particolare, si segnala l’emendamento governativo 20.31 del Governo, il quale prevede che, in esito alle procedure indette da infratel per l’affidamento dei lavori relativi al Piano 1 Giga, al fine di assicurare il rispetto degli obiettivi del PNRR si prevede che il termine per l’individuazione effettiva dei cd. civici di prossimità non debba essere superiore a 30 giorni dalla data di sottoscrizione degli atti aggiuntivi e che la Cabina di Regia del PNRR possa proporre l’attivazione dei poteri sostitutivi per assicurare la celere attuazione degli investimenti.

MIT
G7 dei ministri dei Trasporti: dall’11 al 13 a Milano

Dall’11 al 13 aprile si terrà a Milano, nella sede di Palazzo Reale, la riunione dei ministri del G7 Trasporti, presieduta dall’Italia, cui partecipano le delegazioni dei ministeri di Infrastrutture e Trasporti di Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d’America, oltre all’Unione Europea rappresentata dalla Commissaria ai Trasporti. Qui i dettagli.

ALLEGATI

Emendamenti del Governo presentati 9 aprile 2024 ore 20.30

Emendamenti Relatori presentati 9 aprile ore 20.30

DEF-2024 – Allegato-MIT

DOC_057_0002 DEF 2024

Emendamenti DL PNRR – (AC 1752)


Giornata Nazionale Made in Italy, AssoSoftware: industria del software eccellenza italiana - 10 aprile 2024

Milano, 10 aprile 2024 – Si è conclusa a Rimini la prima fase della ISWEEK la settimana dedicata ai Software Italiani, un evento ibrido con due giorni in presenza e tre giorni in live streaming, organizzato da Software Italiani, ovvero l’ecosistema di iniziative a promozione del Made in Italy tecnologico, patrocinato da AssoSoftware, l’associazione di Confindustria che riunisce i produttori di software.

La Giornata Nazionale del Made in Italy – istituita quest’anno grazie all’impegno del Ministro Adolfo Urso – rappresenta una grande occasione per promuovere e valorizzare tutti i settori dell’eccellenza italiana, non solo quelli tradizionali, ma anche quelli più innovativi e votati al mondo del digitale. Tra questi, riveste un ruolo di primo piano il settore del software, composto da un tessuto di migliaia di aziende, soprattutto PMI, che fanno parte a pieno titolo del Made in Italy – ha dichiarato Pierfrancesco Angeleri, Presidente di AssoSoftware – perché realizzano soluzioni innovative interamente ideate e sviluppate in Italia e contribuiscono in modo qualificato ad accrescere la competitività delle imprese, l’efficienza della PA e l’occupazione del nostro Paese. Siamo lieti che il Ministero delle Imprese e del Made in Italy abbia deciso di includere l’ISWEEK nel calendario ufficiale della Giornata Nazionale del Made in Italy: si tratta di un importante riconoscimento da parte del Governo sul ruolo del software italiano come fattore abilitante all’innovazione e alla trasformazione del nostro sistema produttivo”.


AssoSoftwareDayPress del 10/04/2024

E’ disponibile l’edizione odierna di AssoSoftwareDayPress, la rassegna stampa quotidiana riservata ai soci.

Per consultarla scegli tra le seguenti opzioni:


Formato sfogliabile

Formato PDF

Formato mobile


Buona lettura.

 

Gli Uffici di Segreteria

Vi ricordiamo che il servizio è esclusivamente riservato agli associati e che, in base all’accordo con il fornitore, non può essere distribuito a terze parti né in toto né in parte. L’inosservanza di tale disposizione può comportare la sospensione del servizio e le sanzioni previste dalla normativa a tutela del copyright degli editori.

 

© Riproduzione riservata

 


AssoSoftwareDayPress del 09/04/2024

E’ disponibile l’edizione odierna di AssoSoftwareDayPress, la rassegna stampa quotidiana riservata ai soci.

Per consultarla scegli tra le seguenti opzioni:


Formato sfogliabile

Formato PDF

Formato mobile

 

Segnaliamo che all’interno della rassegna di oggi è presente il seguente articolo, a cura di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware:

Redditi 2024, quadro RU alleggerito ancora in cerca di risposte

Le software house associate ad AssoSoftware sono al lavoro per adeguare le funzioni di estrazione dati dagli applicativi di gestione dei beni ammortizzabili/leasing e di compilazione automatica dei righi presenti nel quadro RU dei modelli Redditi 2024, in relazione agli investimenti in beni strumentali nuovi e ai relativi crediti d’imposta. Leggi tutto


Buona lettura.

Gli Uffici di Segreteria

Vi ricordiamo che il servizio è esclusivamente riservato agli associati e che, in base all’accordo con il fornitore, non può essere distribuito a terze parti né in toto né in parte. L’inosservanza di tale disposizione può comportare la sospensione del servizio e le sanzioni previste dalla normativa a tutela del copyright degli editori.

 

 


9 aprile 2024 – Attività parlamentare

GOVERNO
Consiglio dei Ministri n. 76

Si è svolta a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei Ministri. Il prossimo Consiglio dei ministri è previsto per lunedì 15 aprile alle ore 18.

DDL IA: bozza
In allegato la bozza del cd. DDL Intelligenza Artificiale.
All’articolo 21 si segnala che, al fine di favorire la creazione e lo sviluppo di startup, e di piccole e medie imprese operanti su tecnologie emergenti e nuove soluzioni con elevato potenziale di innovazione e scalabilità, il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri e l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lettera z), del decreto-legge 14 giugno 2021, n. 82, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2021, n. I 09, e in deroga alle procedure ivi previste, sono autorizzati a sottoscrivere, in pari misura, quote o azioni di uno o più fondi per il venture capitai, come definiti dall’articolo 31, comma 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 11 l, istituiti dalla società CDP Venture Capitai Sgr S.p.a., per i seguenti importi:

a) fino ad un ammontare complessivo di 89, 1 milioni di euro, per l’anno 2024 nelle tecnologie emergenti dell’intelligenza artificiale, del quantum computing e della cybersicurezza, e delle tecnologie per queste abilitanti;

b) fino ad un ammontare di 44, 7 milioni di euro per l’anno 2024 e di 14, 7 milioni di euro per l’anno 2025, nel settore delle telecomunicazioni con particolare riferimento al 5G e alle sue evoluzioni, al mobile edge computing, alle architetture aperte basate su soluzioni software, ai sistemi di caching periferico per content delivery network (CON), al Web3, all’elaborazione del segnale, anche in relazione ai profili di sicurezza e integrità delle reti e delle comunicazioni elettroniche.

AISI: nomina del Dott. Valensise
La presidente del Consiglio Giorgia Meloni, sentito il Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica, ha nominato oggi il dottor Bruno Valensise quale nuovo direttore dell’Agenzia informazioni e sicurezza interna (AISI), con decorrenza del mandato da venerdì 19 aprile. Lo comunica Palazzo Chigi. Qui i dettagli.

CAMERA DEI DEPUTATI
DL PNRR: emendamenti 

Sono in corso riunioni tra le forze politiche e il Governo sul cd. Decreto PNRR (AC 1752). In serata è atteso anche un nuovo pacchetto di emendamenti firmati dal Governo e dai relatori.  L’avvio delle prime votazioni sugli emendamenti, inizialmente previsto per la serata di oggi, è rinviato.

CONSIP
Pubblicata la consultazione del mercato per la fornitura di dotazioni tecnologiche per le Case della Comunità e altre strutture di prossimità

La Consip ha pubblicato la consultazione del mercato per la fornitura di dotazioni tecnologiche per le Case della Comunità e altre strutture di prossimità. Il questionario deve essere compilato ed inviato entro il 29/04/2024. Qui i dettagli.


Redditi 2024, quadro RU alleggerito ancora in cerca di risposte - NORME E TRIBUTI PLUS DEL 09/04/2024

Nel caso in cui non vi sia più credito d’imposta residuo, ossia non ancora utilizzato, le istruzioni al modello dichiarativo non spiegano le modalità per indicare l’importo del riversamento

Le software house associate ad AssoSoftware sono al lavoro per adeguare le funzioni di estrazione dati dagli applicativi di gestione dei beni ammortizzabili/leasing e di compilazione automatica dei righi presenti nel quadro RU dei modelli Redditi 2024, in relazione agli investimenti in beni strumentali nuovi e ai relativi crediti d’imposta.

Va premesso che quest’anno il modello è stato alleggerito di molte informazioni non più necessarie, per cui la sua compilazione dovrebbe risultare un po’ più agevole rispetto allo scorso anno. Di seguito le principali le novità.

I righi soppressi
La prima novità riguarda l’eliminazione dal quadro RU dei seguenti righi:

  • RU141 che, in assenza della sua soppressione, avrebbe dovuto essere compilato per rettificare gli importi indicati nel rigo RU140 «Investimenti beni strumentali 2022 (effettuati dopo la chiusura del periodo d’imposta)» della dichiarazione dei Redditi dello scorso anno, per eventi intervenuti successivamente alla data di presentazione del modello ed entro il 31 dicembre 2023;
  • RU152 che, lo scorso anno, era stato compilato dai contribuenti che avevano fruito nel periodo d’imposta 2020 dei crediti d’imposta in beni strumentali materiali e immateriali 4.0, e avevano dovuto indicare l’ammontare dei costi sostenuti dal 1° al 31 gennaio 2020 e il rapporto in percentuale tra costi sostenuti dal 1° al 31 gennaio 2020 e il totale dei costi sostenuti nel periodo 2020 riferiti ai crediti d’imposta in questione.

I righi modificati
Nell’ordine risultano modificati, a livello di modello e/o di istruzioni, i seguenti righi del quadro RU:

  • il rigo RU5 non ospita più, in colonna 1, il codice L3 relativo al credito d’imposta maturato nel periodo d’imposta in riferimento agli investimenti in beni materiali e immateriali diversi da quelli dell’allegato A e B. Analogamente non ospita più, in colonna 2, il codice L3 relativo alla medesima tipologia di credito d’imposta maturato oltre il periodo d’imposta;
  • il rigo RU5 non ospita più, in colonna 2, il codice 2L relativo al credito d’imposta di cui al comma 1057-bis maturato oltre il periodo d’imposta in riferimento agli investimenti in beni materiali di cui all’allegato A, in quanto tale tipologia di investimento prosegue fino al 31 dicembre 2025;
  • nel rigo RU130 relativo agli investimenti effettuati nel periodo d’imposta, sono state soppresse le colonne 1 e 2 in cui andavano indicati gli investimenti in beni materiali e immateriali diversi da quelli di cui agli Allegati A e B, nonché la colonna 3 in cui andavano indicati gli investimenti in strumenti e dispositivi tecnologici destinati dall’impresa alla realizzazione di modalità di lavoro agile;
  • nel rigo RU140 relativo agli investimenti effettuati dopo la chiusura del periodo d’imposta, sono state soppresse le colonne 1 e 2 in cui andavano indicati gli investimenti in beni materiali e immateriali diversi da quelli di cui agli Allegati A e B. Eliminata anche la colonna 3 in cui andavano indicati gli investimenti in strumenti e dispositivi tecnologici destinati dall’impresa alla realizzazione di modalità di lavoro agile. Soppressa anche la colonna 4.

Poiché il quadro RU ha una struttura predisposta per accogliere moltissime tipologie di crediti d’imposta, rimangono senza risposta alcuni dei quesiti che i clienti pongono alle software house in relazione alle modalità di compilazione da adottare in riferimento agli investimenti in beni strumentali e ad alcune specifiche situazioni.

Ad esempio, nel caso del recapture, ossia della cessione del bene nel periodo di sorveglianza, il modello e le relative istruzioni forniscono indicazioni specifiche su come ridurre il credito d’imposta non ancora utilizzato, compilando il rigo RU12 con la barratura della casella di cui al campo 1 e indicando il credito d’imposta residuo in colonna 2.

Invece, nel caso in cui non vi sia più credito d’imposta residuo, ossia non ancora utilizzato, non vi è nessuna indicazione nelle istruzioni sulle modalità da adottare per indicare sul quadro RU l’importo del “riversamento”.

È chiaro che, in assenza di indicazioni sulle istruzioni, risulta difficile per le software house fornire informazioni puntuali ai propri clienti. Probabilmente, stante che la tracciatura degli utilizzi per questi crediti d’imposta passa necessariamente dal modello F24, mediante gli appositi codici tributo, il quadro RU avrebbe potuto forse essere ulteriormente snellito eliminando il riporto del credito d’imposta da un anno all’altro.

In questo modo il quadro RU avrebbe “cristallizzato” il credito spettante per ciascun esercizio, lasciando al modello F24 l’onere di indicarne gli utilizzi ovvero il riversamento.